Bergamo, sabato 05 Ottobre 2014

Daniel Martin sul podio con Valverde e Rui Costa (Foto di Paul Francis Cooper)

Giro di Lombardia 2014 : Un amarcord dall’Echo di  Liverpool a firma di Paul Francis Cooper

Un buongiorno e un bentrovati agli appassionati di ciclismo che ci seguono su PEDALE TRICOLORE; Oggi, sempre per non perdere il vizio di parlare di ciclismo, vogliamo proporvi un servizio fatto da un nostro collega ed amico PAUL FRANCIS COOPER dell’ECHO di LIVERPOOL sul giro di Lombardia 2014, trasmesso sulla RADIO IRLANDESE.

 

Daniel Martin vince a Bergamo Il Lombardia 2014 (Foto di Paul Francis Cooper)

 

Per gli appassionati di ciclismo non c’è nessuna corsa come IL LOMBARDIA, bella e impegnativa che chiude la stagione ciclistica; viene addirittura paragonata ad un campionato mondiale d’autunno.

 

La corsa delle foglie morte, l’ultima gara monumento del calendario internazionale, è un’evento particolarmente sentito dai tifosi del ciclismo soprattutto per la sua storia.

 

Ancora oggi è presente nelle menti dei fans più anziani il periodo 1936-1949, quando imperversavano FAUSTO COPPI e GINO BARTALI  con  le loro imprese.

Anche tantissimi cicloamatori (Foto di Paul Francis Cooper)

Per ragioni tecniche il percorso è cambiato, ma non di molto, viene sempre centrato intorno alle montagne e il lago di Como, il tutto in un quadro che rende IL LOMBARDIA una delle corse in linea più suggestive del calendario professionistico.

 

Inutile nascondere che è una delle gare da me preferite,ne ho seguite molte e vengo sempre volentieri a commentarle.

 

Oggi in piena crisi COVID 19 mentre anch’io come voi sono chiuso in casa, mi trovo a riguardare le foto fatte in quella splendida giornata autunnale lombarda e confesso che mi viene il magone.

Santuario Madonna del Ghisallo a Magreglio (Foto Paul Francis Cooper)

Ritornando a quel 5 Ottobre ricordo che ero impegnato ad un servizio sul percorso da Bellagio al Santuario della Madonna del Ghisallo di Magreglio, situata in cima all’impegnativa salita di 10 Km. 

 

Quel giorno di buon ora mi recai sul posto, il mio compito era scattare le foto dei  corridori che transitavano sotto la torre medioevale al suono delle campane per poi proseguire all’arrivo di Bergamo.

Ristorante Il Ghisallino col quadro di Coppi e Bartali (Foto Paul Francis Cooper)

Magreglio quel giorno da tranquillo villaggio montano si trasforma, vivacizzato dagli spettatori e dai numerosi e rumorosi amatori che precedono la corsa dei professionisti, i quali prima di prendere posto lungo le transenne vanno a far rifornimento presso la locanda IL GHISALLINO  dove ancora discutono sul famoso passaggio della borraccia di Coppi e Bartali ispirati da un disegno sulla parete.

Cicloamatori del Pedale Bellanese (Foto di Paul Francis Cooper)

Cercavo ansiosamente una buona posizione per fotografare i protagonisti della gara che a breve sarebbero transitati e  non riuscivo a trovarla, data la grande folla.

A quel punto mi sentii una mano sul braccio. Mi girai e un anziano signore in tuta blu mi fece segno di seguirlo.

Cicloamatori in maglia Salvarani (Foto Paul Francis Cooper)

 

Si trattava del guardiano del vicino cimitero, mi fece entrare, appoggiò una lunga scala  all’alto muro di recinzione, scegliendo il punto ideale per scattare foto, da buon intenditore di ciclismo.

 

Fu l’irlandese Daniel Martin che successivamente si aggiudicò la corsa a transitare per primo, ed io grazie a quell’uomo lo immortalai al centro della foto stessa.

 

Dopo il passaggio di tutta la carovana, scesi dalla scala, gesticolando ringraziai il guardiano per la sua cortesia, lui mi sorrise, mi salutò e richiuse il cimitero. Intanto io mi precipitavo al traguardo di Bergamo giusto in tempo per assistere all’arrivo solitario a mani alzate di DANIEL MARTIN vittorioso in quello splendido pomeriggio autunnale lombardo.

Daniel Martin sul podio con Valverde e Rui Costa (Foto di Paul Francis Cooper)

L’ultima foto che presi quel giorno furono i primi tre sul podio: al centro il vincitore DANIEL MARTIN ,alla sua destra don ALEJANDRO VALVERDE mentre alla sua sinistra il portoghese RUI COSTA.

 

Allora non c’era  bisogno di alcun distanziamento di sicurezza; i tre uomini insieme, vicini e felici.

Ognuno con un braccio alzato con in mano dei bellissimi bouquet di fiori variopinti,mentre il vincitore mostrava orgoglioso il trofeo del LOMBARDIA una piccola ruota di bici in argento, non guardavano noi fotografi mentre lottavamo per guadagnare la posizione migliore, ma si osservavano fra di loro e si sorridevano felici, con i loro occhi pieni di rispetto per la fatica fatta da loro e dai loro compagni di squadra e da tutti gli atleti giunti al traguardo.

 

Alle loro spalle campeggiava un logo verde con la scritta nera: 108^ edizione de  IL LOMBARDIA.

Cicloamatori da Ceylon al Ghisallo (Foto di Paul Francis Cooper)

Mentre ora riguardo le foto, mi sembra di rivivere quella felice giornata di qualche anno fa, quando era normale e scontato incontrarsi con i fans ed avere rapporti diretti con i corridori.

Mi auguro che l’anziano guardiano del cimitero di Magreglio che fu cosi’ gentile con me stia bene, inoltre spero ardentemente di poter rivivere insieme al resto del mondo una bellissima giornata come quella.

Francis Paul Cooper – autore del servizio

             PAUL FRANCIS COOPER 

 

Testo in lingua Inglese tradotto da Aldo Trovati :

il Giornalista Aldo Trovati, oggi in veste di traduttore con Francis Paul Cooper

 

.

.

.

.

.

.

 

 

 

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale