Legnano, 14 Settembre 2016.

Da sx Ruffoni, Nizzolo e Simion, podio della 98° Coppa Bernocchi (Foto Pisoni)
Da sx Ruffoni, Nizzolo e Simion, podio della 98° Coppa Bernocchi (Foto Pisoni)

98° Coppa Bernocchi-41° Gran Premio BPM

Il podio brinda a Legnano (Foto Pisoni)
Il podio brinda a Legnano
(Foto Pisoni)

Un lampo tricolore illumina il cielo di Legnano grazie al guizzo di Giacomo Nizzolo, campione d’Italia in carica che, sul lungo rettilineo viale Toselli, sede d’arrivo della 98° Coppa Bernocchi, (Organizzazione US Legnanese 1913), regola il folto plotone che apriva la corsa dopo il circuito della Valle Olona e presentatosi compatto all’arrivo, conquistando la sua quinta affermazione stagionale.

Giacomo Nizzolo vince a Legnano (Foto Pisoni)
Giacomo Nizzolo vince a Legnano (Foto Pisoni)

Nizzolo, che ha dedicato la vittoria ai suoi compagni di squadra della Nazionale Italiana ed ha così confermato il suo ottimo stato di forma e le speranze che vengono riposte in lui per i prossimi Mondiali in Qatar risponde così “Presente” all’appello del ct Davide Cassani che stà lavorando per la presentazione delle squadre che schiererà al via dei prossimi campionati Europei e dei “Mondiali” in programma per il prossimo mese di ottobre in Qatar.

Pronti per il via (Foto Pisoni)
Pronti per il via (Foto Pisoni)

Mossiere della gara il sindaco di Legnano Alberto Centinaio la carovana con 179 corridori in gruppo, punta verso Parabiago dove il tradizionale traguardo volante organizzato dall’Amministrazione Comunale in ricordo del primo corridore italiano ad indossare la maglia iridata,(Zurigo 25 agosto 1923), il parabiaghese Libero Ferrario, è vinto da Fabio Chinello (D’Amico Bottecchia).

Fabio Chinello premiato per la vittoria nel TV dedicato a Libero Ferrario (Foto Pisoni)
Fabio Chinello premiato per la vittoria nel TV dedicato a Libero Ferrario (Foto Pisoni)

Ed è da qui che la giornata è dominata da una lunga fuga di un drappello di otto corridori:   Dion Beukeboon (Olanda-ParkHotel Valkenburg), Vitaliy Buts (Ukraina-Kolss – BDC Team), Alessandro Fedeli (Unieuro – Wilier), Matthias Krizek (Austria-Team Roth), Giacomo Berlato (NIPPO – Vini Fantini), Ricardo Vilela (Portogallo – Caja Rural – Seguros RGA), Niccolò Salvietti (Norda – MG. Kvis) e Oscar Pelegri (Spagna – Amore & Vita).

La fuga di giornata composta da 8 corridori (Foto Pisoni)
La fuga di giornata composta da 8 corridori (Foto Pisoni)

Questo drappello guiderà la corsa fino alla fine del penultimo giro, km di gara 128,4 con un vantaggio massimo di poco superiore ai cinque minuti, permettendo all’ukraino Vitaly Buts di conquistare il primo posto nella speciale classifica a premi del GPM. Ricordiamo che Vitaly Buts vanta un passato di corridore al servizio di squadre italiane come la “Pagnoncelli” tra i dilettanti, dove ha mietuto numerosi successi da meritarsi il passaggio tra i professionisti con la Squadra della Lampre-Merida

La Nazionale italiana al foglio firma di partenza (Foto Pisoni)
La Nazionale italiana al foglio firma di partenza (Foto Pisoni)

Poi, durante l’ultimo dei sette giri del circuito della Valle Olona, un rimescolamento delle carte rimette tutto in gioco per la vittoria finale con tanti corridori che tentano l’assolo e Sonny Colbrelli invece che sprona i corridori di testa a dargli man forte verso una impossibile fuga verso Legnano.

Un passaggio (Foto Pisoni)
Un passaggio col l’azzurro Jacopo Guarnieri in primo piano (Foto Pisoni)

Ed è qui che entrano in azione i treni delle ruote veloci che non concedono a nessuno il nulla osta per un’affondo e nemmeno per un timido tentativo di risolvere la corsa con una fuga.

Il Team Meridiana alla firma del foglio di partenza (Foto Pisoni)
Il Team Meridiana alla firma del foglio di partenza (Foto Pisoni)

Volata deve essere e volata e stata con Giacomo Nizzolo, “Mastino della Brianza” che regola la coppia Ruffoni-Simion (Bardiani Csf) e tutti gli altri corridori di testa allo sprint, uno sprint veramente regale dopo avere magistralmente “rimediato” ad una svista del capofila del treno azzurro proprio sul curvone che, da Corso Sempione immette sul rettilineo d’arrivo di viale Toselli, “svista” che aveva minacciato seriamente di compromettere le aspettative azzurre.

Nizzolo con le miss (Foto Pisoni)
Nizzolo con le miss (Foto Pisoni)

       Vito Bernardi – Fotoservizio di Antonio Pisoni

 

Giacomo Nizzolo a braccia alzate (Foto Pisoni)
Giacomo Nizzolo a braccia alzate (Foto Pisoni)

Ordine d’arrivo,  1.Giacomo Nizzolo (Nazionale Italia) km.192 in 4h25’53” 2.Nicola Ruffoni (Bardiani CSF) 3.Paolo Simion (Bardiani CSF) 4.Carlos Barbero Cuesta (Spagna-Caja Rural Seguros RGA) 5.Filippo Pozzato (Wilier Southeast) 6.Davide Viganò (Androni Giocattoli- Sidermec) 7.Ryan Gibbons (Rep Sudafricana-Dimension Data) 8.Gian Marco Di Francesco (Norda MG K Vis) 9.Roman Maikin (Russia-Gazprom RusVelo) 10.Arman Kamyshev (Kazakistan-Astana)

Sindaco di Legnano, Alberto Centinaio, pronto a dare il via (Foto Pisoni)
Sindaco di Legnano, Alberto Centinaio, pronto a dare il via (Foto Pisoni)

Vito Bernardi – Fotoservizio di Antonio Pisoni

 

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale