Roquetas De Mar, 14 Febbraio 2016

L'Australiano Howard vince la XXXI Clasica de Almeria (Foto JC Faucher)
L’Australiano Howard vince la XXXI Clasica de Almeria (Foto JC Faucher)

XXXI edizione della “Clasica de Almeria”

Prima della...partenza... (Foto JC Faucher)
Prima della…partenza… (Foto JC Faucher)

31° Clasica de Almeria con arrivo a Roquetas de Mar Decisamente è stata una “Clasica de Almeria” molto anomala a causa delle condizioni atmosferiche che hanno creato non pochi problemi sia agli Organizzatori che ai corridori.

I motivi? : Il forte vento che imperversava nella regione e metteva seriamente in pericolo l’incolumità dei corridori stessi.

Lunghe discussioni al ritrovo di partenza col classico “Si parte?” o “non si parte” e, dopo molti tira e molla, la decisione di prendere il via.

Bouhanni intervistato (Foto Jean Claude Faucher)
Bouhanni intervistato (Foto Jean Claude Faucher)

Ma, fin da subito non c’era molta volontà di inarcare la schiena, il vento soffiava sempre e con violenza tanto che dopo una pedalata in gruppo di qualche chilometro, la decisione di neutralizzare la corsa e di andare a pedalare su 6 giri del circuito di Roquetas de Mar e dichiarare finita la corsa stessa dopo i 21 km del circuito finale, (km 3,5 per 6 giri),  che ha decretato la vittoria dell’australiano Howard.

Corridori Iam subito dopo il traguardo (Foto JC Faucher)
Corridori Iam subito dopo il traguardo (Foto JC Faucher)

Una vittoria che però ha si salvato la corsa ma che non ha potuto assegnare i relativi punteggi come da tabella UCI.

Ad alzare le braccia al cielo nella prova iberica, prima neutralizzata dopo 40 dei 184 km in programma e poi ridotta ai 21 km del circuito cittadino di Roquetas de Mar, è stato il portacolori del team IAM Cycling, Leigh Howard che, al termine di una giornata difficilissima, ha festeggiato mettendo la sua ruota davanti a quella del russo Alexey Tsatevich (Katusha) e il compagno di colori Aleksejs Saramotins.

Podio 31^ Clasica de Almeria (Foto JC Faucher)
Podio 31^ Clasica de Almeria (Foto JC Faucher)

Una conclusione un po’ confusa ma, secondo me, senza colpa alcuna degli Organizzatori che si sono trovati a gestire una situazione assai delicata e che, se vogliamo proprio addossare colpe a qualcuno, questo qualcuno è decisamente il vento.

La volata appena conclusa (Foto Jean Claude Faucher)
La volata appena conclusa (Foto Jean Claude Faucher)

Ordine d’arrivo Clasica de Almeria :

1.Leigh Howard (Australia-IAM Cycling)

2.Alexey Tsatevich (Russia-Katusha)

3.Aleksejs Saramotins (Russia-IAM Cycling)

4.Bryan Cocquard (Francia-Direct Energie) a 5″

5.Nacer Bouhanni (Francia-FDJ)

6.Raymond Kreder (Roompot Oranje Peloton)

7.Pawel Franczak (Verva ActiveJet)

8.Roman Maikin (Gazprom Rusvelo) a 8″

9.Jakub Kaczmarek (CCC Sprandi Polkowice)

10.José Joaquin Rojas (Movistar) a 11″

               Vito Bernardi-www.pedaletricolore.it

Galleria fotografica di Jean Claude Faucher

Tsatevich 2^ classificato (Foto JC Faucher)
Tsatevich 2^ classificato (Foto JC Faucher)
Bryan Coquard (Foto JC Faucher)
Bryan Coquard (Foto JC Faucher)
Howard sul podio con Coppa e Fiori (Foto JC Faucher)
Howard sul podio con Coppa e Fiori (Foto JC Faucher)
Funvic alla firma di partenza (Foto JC Faucher)
Funvic alla firma di partenza (Foto JC Faucher)
da sx, Cyril Lemoine e Borut Bozic  (Foto JC Faucher)
da sx, Cyril Lemoine e Borut Bozic (Foto JC Faucher)
Caja Rural alla firma di partenza (Foto JC Faucher)
Caja Rural alla firma di partenza (Foto JC Faucher)
Striscione arrivo (Foto J.C. Faucher)
Striscione arrivo (Foto J.C. Faucher)

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale