Gippingen, 08 Aprile 2020

Foto GP Gippingen (Archivio)

 

Nessun giorno di ciclismo Gippingen nel giugno 2020

Il dal 5 al 7 Le giornate ciclistiche di Gippinger previste per giugno con il 57 ° Grand Prix internazionale del Canton Argovia come evento tradizionale non avranno luogo. 

A causa delle continue incertezze che circondano la crisi della Corona, il Comitato Organizzatore (OK) si sente obbligato a fare questo passo. 

Sta ora esaminando se la gara principale potrebbe essere riprogrammata a un costo ragionevole e in modo semplificato. Supponendo che la stagione ciclistica 2020 ricomincerebbe e il calendario internazionale avrebbe una data adeguata.

Circa due settimane fa, abbiamo fissato la scadenza del 19 aprile 2020 nella gestione per quanto riguarda la decisione. Quindi il Consiglio federale deciderà su ulteriori misure. Tuttavia, la rivalutazione nel frattempo a causa del lavoro e dei costi sostenuti fino a quel momento, nonché la probabile estensione delle misure drastiche da parte del Consiglio federale, ci hanno costretto a prendere la decisione prima. 

Da quel momento in poi avremmo dovuto intensificare l’organizzazione per ottenere il 57 ° Cycling Days Gippingen in programma dal 5 al 7 giugno. Se cancellato in seguito, il personale e le risorse finanziarie sarebbero stati irrimediabilmente persi. I nostri cuori sanguinano, ma nella situazione attuale semplicemente non era più responsabile di aspettare.

Siamo stati ottimisti fino alla fine per quanto riguarda l’implementazione delle giornate ciclistiche e il 57 ° Gran Premio del Canton Argovia. Gippingen sarebbe sicuramente stato di nuovo pronto! Non vedevamo l’ora di assistere ad un altro spettacolo ciclistico di alto livello, emozionante e diversificato nello Zurzibiet. Ma le condizioni nel mezzo dell’attuale crisi di Corona non sono in atto. Rischi per la salute, divieti di viaggio ed eventi, alberghi e ristoranti chiusi, divieto di sostegno alla protezione militare e civile durante gli eventi: nessuno sa come sarà a giugno. Il ciclismo su strada nazionale e internazionale è almeno fino alla fine di maggio 2020. Da venerdì è stato anche chiaro che il Tour de Suisse, che si sarebbe svolto immediatamente dopo le giornate in bicicletta di Gippinger, deve essere cancellato.

Gippingen non sarebbe Gippingen se l’OK dei giorni in bicicletta non guardasse già al prossimo futuro in modo intraprendente. L’UCI, l’associazione ciclistica internazionale, è stata informata che il Grand Prix del Canton Argovia 2020 è ufficialmente considerato “rinviato”. Allo stesso tempo, l’OK ha segnalato il suo interesse a mettersi al passo con la gara nella categoria Elite UCI, qualora ci fosse una possibilità quest’anno. Una task force interna OK sta ora esaminando varie opzioni e le specificherà ulteriormente se fattibile.

Nell’area di sponsorizzazione, abbiamo deciso che gli impegni già assunti possono essere annullati o trasferiti al prossimo evento. Contatteremo i nostri sponsor e sponsor a questo proposito. Come sempre, l’impegno di mecenati e sponsor è stato estremamente gratificante. Le prime reazioni al necessario annullamento della gara ci danno la fiducia che le corse ciclistiche torneranno presto a Gippingen.

La cancellazione delle Giornate del ciclismo di Gippingen nel giugno 2020 che è diventata necessaria ci rende tutti molto tristi, ma si basa anche su una decisione razionale. Non vediamo l’ora del prossimo evento ciclistico nella mecca del ciclismo a Gippingen e di darvi il benvenuto a tutti noi in buona salute.

Foto GP Gippingen (Archivio)

Bandiera del Cantone Argovia

56 giorni di ciclismo Gippingen

alimentato da

 

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale