Bogogno, 06 settembre 2020

Colombo Emma Vince tra le G5 (Foto Sansottera)

Classifica Donne Giovanissime del 4° Trofeo Città di Bogogno

Grande partecipazione di ciclogirls al 4° Trofeo Città di Bogogno, gara ciclistica riservata alle categorie dei Giovanissimi di entrambio i sessi ed organizzata a Bogogno, nel novarese, con la regia della Società Ciclistica Castellettese della Presidentessa Gabriella Ambrosi ed la collaborazione dell’A.s.d. Bogogno 1943.

Il Patrocinio dell’Amministrazione Comunale ha dato lustro e ancora maggior prestigio alla Manifestazione.

Tantissime le Giovanissime che hanno spillato il numero sulla schiena per dare dimostrazione delle loro capacità ed impegno, moltissime appartenenti a Società Ciclistiche piemontesi ma anche molte venute dalla vicina Lombardia, dalla Liguria ed anche dal Trentino, tutte molto agguerrite e determinate agonisticamente.

Le giuste norme anti covid, hanno un po’ frenato l’estro di molti spettatori e, sopratutto, dei genitori ma, l’obbligo di indossare le mascherine ed il rispetto di altre regole come il rispetto delle varie “zone”, sono state si un po’ da freno all’esplosione del tifo ma, l’amore per il ciclismo e la voglia di applaudire non sono mancate sopratutto tenendo conto che ci si trovava su un circuito di gara dopo parecchi mesi.

Tutto comunque si pè svolto nel massimo ordine, sicurezza e agonismo sportivo cavallerersco dove una stretta di mano, anche questa “Gomito a Gomito” come suggerito dalle nolrme anticovid non sono mancate.

Come non è mancata la professionalità dei Collaboratori della presidente Gabri Ambrosi e degli Amici dell’Asd Bogogno 1943 che ringraziano i Volontari di tutte le Associazioni presenti sul circuito cittadino e l’Amministrazione Comunale per il sostegno e la concessione del  prestigioso Patrocinio al Trofeo dedicato alla Città di Bogogno.

Ed ecco gli ordini d’arrivo delle varie categorie.

Iniziamo dalla G1 con le ragazze trentine della “Forti e Veloci” che esultano per il podio conquistato da Elisabetta Groff.

 

E tra le G2 festeggia il “Team Ciclocross Stm-Tainenberg” per merito di Lisa Gruening che precede un’altra varesina di Somma Lombardo, Michelle Spinoni in livrea del GS Prealpino del Presidente Dario Zecubi e, al terzo posto Elizabeth Marta Longo Borghini (Pedale Ossolano). 

TYra le top-girls di giornata anche la girl du pays, Aurora Cerame della SC Castellettese-Cicli Varsalona. Per quanto riguarda le società varesine, Rebecca Favero (GS San Macario Valerio Biolo) al settimo posto e Marta Monteleone (Ju Green-Gorla Minore) al nono posto, completano la classifica delle atlete categoria G2.

.

Con la categoria G3 tornano le….”Forti e Veloci”…con Noemi Marcantoni sul gradino più alto del podio con alla sua destra la piemontese Viola Moretti (Rostese-Giant) e alla sua sinistra sul podio la comasca Alma Pedrotti (Remo Calzolari).

Poi seguono al quarto posto Maria Sarto della squadra di Bortolami, la P&G GB Junior Team con le sue compagne di squadra, Alice Georgiana Nudo e Alice Sarto rispettivamente al 6° e 7° posto.

Completano l’ordine d’arrivo le varesine Sofia Catania della Polisportiva Besanese del Presidente Bruno Raffaele e, in ottava piazza, Emanuela Laugelli della Ju Green-Gorla Minore.

.

Anche tra le G4 le “Forti e Veloci” del Trentino non mollano l’osso e, con Alice Bruseghini tornano sul gradino più alto del podio in compagnia della comasca Anna Caccia (GS Alzate Brianza) e Beatrice Trabucchi (GS Franco Zeppi Pavimenti Asd). Subito ai piedi del podio una giovane padovana, Martina Giacon (US CSI Rubano).

Al quinto posto Elisa Paiusco Sansottera e, al 7°, sua sorella Sofia Paiusco Sansottera entrambe della  Ju Green-Gorla Minore e appartenenti ad una Famiglia “tutta ciclismo”  con una terza sorella, Sarah che gareggia con la stessa livrea tra le G6. Tre sorelle figlioe dei coniugi Sansottera-Paiusco, entrambi Giudici di Gara Fci e, il padre Fabrizio, anche collaboratore di Mario Minervino Patron degli Organizzatori del Ciclismo femminile a liovello Internazionale (Sport Promotion). Infine, sesto posto per Aurora Colombo che difende i colori della squadra che porta il nome del grande ex professionista piemontese Franco Balmamion.

.

Emma Colombo ciclogirl categoria G5 in livrea Ju Green-Gorla Minore fa esultare gli Amici e tifosi della squadra gorlese battendo la piemontese Abigail Anna Longo Borghini (Pedale Ossolano) e la varesina di San Macario, Sofia Ferro (GS San Macario-Valerio Biolo) per la felicità di tutti i Lenzi, Zocchi e i numerosi Tifosi della squadra azzurra.

Proprio ai piedi del podio la padovana Greta Fasolo (Csi Rubano) seguita al 5°  dalla besanese Elettra Maroso (Polisportiva Besanese).

Completano l’ordine d’arrivo Antea Luisa Boldini al sesto posto e Kate Victoria Ceppi al 9° posto entrambe della P&G GB Junior Team di Castano Primo, Giorgia Montani comasca dell’pUC Locate Varesino al 7° posto e Maya Baldo (Team Ciclocross Stm Tainenberg) all’8° posto completano l’ordine d’arrivo.

G5 Podio con Emma Colombo, Longo Borghini e Ferro (Foto Sansottera)

Ed è bis per la San Macario con la G6 Caterina Serrecchia (GS San Macario Valerio Biolo che primeggia sulla trentina  “Forte e Veloce” Clarissa Laghi e sullossolana Lavinia Ottone (Pedale Ossolano) che completa il podio di categoria.

Giada Cattani (4°), Noemi Menga (8°) e Sarah Paiusco Sansottera (9°) tutte della supercorazzata Ju Green-Gorla Minore completano la classifica della categoria G6 senza però dimenticarci della piemontese Sara Ghirello (5°) del Team Cicloteca; Giada Caldonazzi trentina della Forti e Veloci 6° e della ligure di Alassio, Elisa Basso (U.C. Alassio) in 7° posizione.

.

.

 

Servizio a cura di :  Vito Bernardi

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale