Puebla de Sanabria, 05 novembre 2020

Philipsen vince 15^ tappa (Bettiniphoto)

Philipsen impone la sua freschezza alla fine della tappa più lunga

Jasper Philipsen (UAE Team Emirates) ha dominato la volata in salita a Puebla de Sanabria per assicurarsi la sua prima vittoria di tappa del Grand Tour dopo una delle giornate più dure sulle strade di La Vuelta 2020.

Il giovane belga ha avuto la meglio su Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe) e Jannik Steimle (Deceuninck-Quick Step) dopo oltre 230 km di gare nel vento. 

Primoz Roglic (Jumbo-Visma) ha evitato le trappole di giornata per tenere La Roja. 

Una nuova giornata in testa ha permesso a Guillaume Martin (Cofidis) di mettersi fuori dalla portata dei suoi inseguitori nella classifica di montagna.

Il plotone parte alle ore 10 da Mos, la città di Oscar Pereiro, per affrontare 230,8 km difficili su strade impegnative e ventose verso Puebla de Sanabria. 

Ma queste condizioni non hanno frenato gli attaccanti, che ancora una volta hanno lanciato una grande battaglia per la fuga.

Tre diversi gruppi si distinguono nei primi 50 chilometri. 10 corridori sono finalmente riusciti a fare la differenza al km 56:

Mattia Cattaneo (Deceuninck-Quick Step), Rui Costa (UAE Team Emirates), Rob Power, Mark Donovan (Sunweb), Alex Aranburu, Luis Leon Sanchez (Astana), Nick Schultz , Robert Stannard (Mitchelton-Scott), Tim Wellens (Lotto Soudal), Jose Joaquin Rojas (Movistar).

Foto del giorno (gomez sport)

Guillaume Martin e Bora-Hansgrohe reagiscono

Guillaume Martin (Cofidis), Julien Simon (Total Direct Energie) e Jonathan Lastra (Caja Rural-Seguros RGA) attaccano a passo spedito per unirsi a questo gruppo di fuggitivi, ma hanno bisogno di 16 km di inseguimento per integrare la fuga di giornata.

 Il loro vantaggio sul plotone è di 4’15 ” quando Guillaume Martin (Cofidis) conquista i punti sull’Alto de Carcedo (km 72,5) per rafforzare il suo grip sulla maglia a pois.

Il dislivello raggiunge un massimo di 5’45 “al km 117. Bora-Hansgrohe aumenta il passo e riduce il gap a 2’30” sulle piste dell’Alto de Fumaces (vetta al km 152,8).

NTT Pro Cycling e Trek-Segafredo arrivano a dare il loro appoggio in testa al gruppo per controllare il divario prima dell’ultima salita di giornata, la 3a categoria di salita dell’Alto de Padornelo, la cui vetta si trova a 18,8 km dal ‘arrivo.

Lo sforzo di Cattaneo

Il vantaggio dei protagonisti è sceso sotto il minuto quando Mattia Cattaneo (Deceuninck-Quick Step) distanzia i suoi compagni in fuga a 30 km dal traguardo. 

Gode ​​di un minuto di vantaggio sugli inseguitori ai piedi dell’ultima salita, mentre il gruppo è a 1’40 ”.

 Cattaneo ha continuato il suo sforzo in solitaria prima di essere finalmente recuperato a 4 km dal traguardo.

 Guillaume Martin prende 1 punto al vertice per aumentare il suo vantaggio nella classifica delle montagne a 55 punti. 

Sono rimasti solo 54 punti da distribuire nelle ultime tre fasi.

I tempi per la classifica generale sono presi a 3km dall’arrivo per evitare qualsiasi incidente legato alla presenza di olio sul ciglio della strada a 2km dalla linea. I velocisti si preparano per un arrivo in salita.

 Mitchelton-Scott guida il campo sotto la fiamma rossa ma nessuno riesce a contenere l’accelerazione di Jasper Philipsen (UAE Team Emirates) negli ultimi 200 metri.

Servizio a cura di  :  Vito Bernardi

 

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale