Mirador de Ezaro, 03 novembre 2020

Roglic podio vincitore di tappa (Foto Unipublic Gomez sport)

Roglic vola e riconquista La Roja

Altimetria della cronoindividuale

Una quarta vittoria di tappa e La Roja! Primoz Roglic (Jumbo-Visma) ha sfruttato al meglio la 13a tappa di La Vuelta 2020, una cronometro di 33,7 km tra Muros e l’arrivo in salita al Mirador de Ézaro. 

Lo sloveno ha avuto la meglio su Will Barta (CCC Team) per 1 ” e ha allargato il distacco sugli avversari per la vittoria finale. 

Richard Carapaz (Ineos Grenadiers), che ha indossato La Roja su queste strade impegnative, è ora secondo in classifica generale, a 39 ”. 

A due giorni dalla vittoria sulle piste de L’Angliru, Hugh Carthy (EF Pro Cycling) ha impressionato ancora una volta conquistando il 4 ° posto di tappa (+25 ”). 

Roglic aveva già vinto la cronometro nel 2019 e poi ha tenuto La Roja fino a Madrid.

Izagirre Gorca Insausti Astana cambio bici inizio salita (Foto Unipublic Gomez Sport)

Mickaël Delage (Groupama-FDJ) è il primo corridore a partire da Muros ma Harry Tanfield (AG2R La Mondiale) è il primo a raggiungere il Mirador de Ézaro, in cima a un’ultima formidabile salita: 1,8 km a 14, 8% e piste che flirtano con il 30%. 

Il giovane britannico fissa un buon punto di riferimento, 48’52 ”, ma viene subito battuto dalla solida prestazione dell’australiano Alex Edmondson (Mitchelton-Scott): 48’24 ”, una velocità media di 41,777 km / h oltre 33,7 km.

Barta allontana Oliveira e Cavagna

Entrambi vengono battuti da Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step). Il “Clermont-Ferrand TGV” prende provvisoriamente gli ordini al km 24,5 (30’42 ”, 8” davanti a Tanfield e 18 ”meglio di Edmondson). 

Ha poi imposto la sua potenza nella salita finale per fare il miglior tempo al traguardo: 47’37 ” (42,464 km / h).

Cavagna si è sistemato comodamente sulla sedia del leader per un’ora, prima di guardare Nelson Oliveira ottenere il meglio in ogni punto intermedio. 

Guillaume Martin (Cofidis) al cambio bici inizio salita finale (Foto Unipublic Gomez Sport)

Il portoghese ha aumentato il suo vantaggio nella salita finale e ha registrato un tempo di 46’49 ” (43,190 km / h). 

Ma Will Barta (CCC Team) minaccia rapidamente questa performance. 

Il portoghese e l’americano sono nello stesso secondo al km 12 e al km 24,5. Barta prende finalmente il vantaggio nel finale, tagliando il traguardo con un vantaggio di 9 ” e una media di 43,329 km / h.

Buon inizio di Carthy, grande finale di Roglic

Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) è l’ultimo corridore a partire, con La Roja sulle spalle, alle 16:36. 

Tra i contendenti per la generale, Hugh Carthy (EF Pro Cycling) firma il miglior inizio.

 Ha vinto 2 ” su Primoz Roglic (Jumbo-Visma) e 6 ” su Richard Carapaz dopo 12km. 

Roglic nella crono (Foto Unipublic-Gomez Sport)

Roglic prende il comando al km 24,5. 

Barta è ancora in vantaggio di 17 ” ma lo sloveno è ora di 1 ” su Carthy mentre Carapaz perde 19 ”.

Roglic vola alla vittoria sulle terribili piste del Mirador de Ézaro. 

Ha registrato un tempo di 46’39 ” (43,344 km / h), 1 ” meglio di Barta! 

Carthy ha ottenuto il quarto miglior tempo, a 25 ” da Roglic. 

Carapaz ha chiuso 7 °, a 49 ”.

Ed ecco l’ordine d’arrivo dei primi 10 corridori nella cronoindividuale di Mirador de Ezaro :

 

.

E con questa brillante prestazione nella cronometro da Muros a Mirador de Ezaro, Primoz Roglic riprende il comando della classifica generale riconquistando la maglia rossa.

Una conquista che ha tutta l’aria di essere definitiva ma, all’arrivo di Madrid mancano ancora 5 tappe e Carapaz, attualmente al secondo posto a 39″ dallo sloveno ha già dichiarato che lui è venuto alla Vuelta per vincerla ed è assolutamente intenzionato a dare battaglia fino a Madrid.

E subito dopo Carapaz in classifica troviamo l’inglese Carthy che di secondi da recuperare ne ha 47″ mentre al 4° posto troviamo Martin e da qui le cose cominciano ad essere molto più difficile.

Comunque il responso finale lo darà la strada, c’è ancora qualche saliota da spianare insomma, il menù è ancora ricco e variegato.

Roglic in maglia rossa al termine della cronometro (Foto Unipublic Gomez sport)

Ed ecco la classifica generale al termine della 13° tappa e relativa ai primi 10 corridori classificati

.

Servizio a cura di  :  Vito Bernardi

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale