Pantani: «A Madonna di Campiglio non doveva essere fermato»

Ciclismo, legale famiglia Pantani: «A Madonna di Campiglio non doveva essere fermato»

Antonio De Rensis: «Esami Uci non compatibili con quelli dell’ospedale di Imola

BOLOGNA Marco Pantani a Madonna di Campiglio, al Giro d’Italia, nel giugno del 1999, non doveva essere fermato.

Lo ribadisce l’avvocato Antonio De Rensis, legale della famiglia del ciclista di Cesenatico, in una intervista andata in onda stamane durante la trasmissione Rai della Tgr Emilia-Romagna ‘Buon Giorno Regione’. «Credo – sottolinea il legale – che siano emersi dei fatti che in ogni caso disegnano gli avvenimenti di quel giorno a Campiglio in maniera diversa. Ricordo che Marco nel pomeriggio tornando a casa si fermò all’Ospedale Civile di Imola.

L’ematocrito era tornato a 48.2 ma soprattutto le piastrine che a Campiglio (dove il pirata venne sottoposto ad un controllo Uci, ndr) erano 100.000, all’Ospedale di Imola erano 170.000.

I due esami sono totalmente incompatibili, dobbiamo solo capire se è più attendibile quello fatto in una stanzetta di un hotel a Campiglio o in un Ospedale Civile della Repubblica italiana».

La Procura di Forlì sta ancora indagando su quello che è accaduto a Madonna di Campiglio, indagine della quale anche la Direzione distrettuale antimafia di Bologna si occupa per la presunta interferenza della Camorra e di un giro illegale di scommesse nell’esclusione di Marco Pantani nel Giro d’Italia. «Credo anche con grandissimo impegno – sottolinea De Rensis – lo dico da spettatore esterno.

La sensazione che noi abbiamo sempre avuto quando abbiamo colloquiato con il Procuratore Capo e il Sostituto, è stata sempre quella di essere ascoltati, non siamo mai stati un elemento di fastidio per loro e questo ci ha dato una grande soddisfazione».

Da questa indagine ribadisce l’avvocato della famiglia Pantani «noi ci aspettiamo che il Procuratore Capo e il Sostituto con il loro lavoro intenso e molto serio, ridisegnino i fatti.

Noi speriamo anche che si giunga a delle responsabilità ma in ogni caso ritengo che la storia di quella mattina verrà ridisegnata perché Marco Pantani, noi sosteniamo e ne siamo fermamente convinti, non doveva essere fermato».

26 Mar 2001:  Portrait of Marco Pantani of Italy at the Tour Of Catalonia, Spain.  Mandatory Credit: Pascal Rondeau /Allsport
26 Mar 2001: Portrait of Marco Pantani of Italy at the Tour Of Catalonia, Spain. Mandatory Credit: Pascal Rondeau /Allsport

Da “Stadio-Corriere dello Sport.it” del 26.01.2016

 

 

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale