Pontremoli, 23 aprile 2020

Gianluca Crocetti

Gianluca Crocetti Giudice di gara Fci ed Uci

Com’è il giorno di un commissario UCI durante una grande corsa su strada? L’italiano Gianluca Crocetti condivide la sua esperienza con noi. 

A 50, il nativo UCI internazionale Commissaire di Pontremoli, in provincia di Massa Carrara, in Toscana, è stato il presidente della giuria del Tour de France 2019.

Doveva soprattutto per gestire una nuova situazione al 19 ° tappa , quando grandine e frane hanno bloccato la strada verso la Val d’Isère. 

La gara era stata fermata e i tempi per la classifica generale erano stati registrati in cima al Col de l’Iseran. Egan Bernal ha quindi preso la maglia gialla e l’ha mantenuta fino alla fine del Tour.

Dal corridore all’arbitro internazionale

 

Lo stesso Crocetti era un corridore “, ma con risultati molto scarsi”, confessa con una risata. “Ho corso fino a quando avevo 17 anni con Velo Sport Pontremoli, quindi ho seguito l’allenamento per diventare arbitro regionale. Ho iniziato all’età di 18 anni e mi sono evoluto da categorie di giovani alle élite, passando per tutte le fasi. “

 

L’italiano è diventato commissario nazionale a 28 anni e ha iniziato a seguire le corse in moto: “In effetti, ci ho provato per tre anni prima di riuscire. Fortunatamente, ho ricevuto il sostegno di colleghi più esperti e non mi sono arreso. “

 

Crocetti ha seguito il Giro d’Italia e, nel 2002, ha avuto la sua prima esperienza fuori dall’Italia, sulla Vuelta Ciclista a España, nell’ambito di un programma di scambio per commissari tra i due Grand Tour. Nel 2004, è stato uno dei cinque giudici italiani nominati nel 2004 dal responsabile per il suo paese, Gianni Meraviglia, per diventare Steward Internazionale dell’UCI. Dopo essersi astenuto da una motocicletta da corsa agli UCI Road World Championships di Verona (Italia), nel 2004, ha officiato ai Giochi Olimpici di Rio 2016 e si è unito alle gare dell’UCI WorldTour, diventando il primo commissario Support-TV durante Milano-Sanremo nel 2018.

 

Vita quotidiana in una gara UCI WorldTour

 

Anche se il ruolo dei commissari è generalmente invisibile in televisione, si mobilitano in qualsiasi momento della giornata sul campo. Un problema può sorgere in qualsiasi momento, urgente o no.

 

La giuria degli steward deve organizzarsi per operare il più vicino possibile alle squadre e ai piloti. Cambiano hotel ogni giorno e si incontrano per colazione e cena: “Dalla mattina alla sera, viviamo come una famiglia”, dice Gianluca. Il presidente della giuria deve sempre creare l’ambiente giusto e unire la sua squadra in modo che tutti avanzino nella stessa direzione, a livello professionale e individuale. “

Che aspetto ha una giornata tipo per un commissario in una gara? “Lasciamo i bagagli alla reception e li troviamo all’arrivo”, spiega. Generalmente arriviamo all’inizio con un buon margine, una o due ore prima della partenza prevista, e teniamo il primo importante incontro della giornata con tutti i giudici per tornare alla fase precedente e adeguare determinate cose se necessario. Dividiamo le missioni, identifichiamo i punti chiave, organizziamo gli sprint intermedi, ci prepariamo in base all’altitudine del palcoscenico e alle condizioni meteorologiche. “

 

Un altro momento viene prima del palco: “Ci incontriamo con gli organizzatori per vedere se ci sono problemi. Di solito vado in giro con gli autobus della squadra, per chattare con i Direttori sportivi, piuttosto che con i corridori, e ne approfitto per rivisitare le multe del giorno prima. “

 

All’inizio, la squadra di commissari è distribuita lungo il convoglio. “Il presidente della giuria è con il direttore di gara e l’operatore della torre radio dietro il gruppo principale. Gli altri commissari sono davanti e su altre auto, generalmente dietro la quinta e l’altra dietro la quindicesima. Altri commissari sono in moto. Il loro numero e posizione dipendono dalle regole della gara. Ad esempio, sul Tour de France, ci sono due nella parte anteriore e quattro dietro, oltre a due cronometristi e i Judge finali che iniziano davanti e prendono gli sprint intermedi. “

 

Durante la gara, i giudici gestiscono questioni sportive, scontri con problemi di rotta e problemi relativi ad esempio alle auto ospiti. C’è anche un nuovo ruolo molto importante, quello del commissario della Support-TV: “All’arrivo è di solito in una stanza, in contatto con l’intera giuria per telefono e radio. Se osserva una grave violazione che può portare a squalifiche o irregolarità negli sprint, invia il video agli altri Steward per prendere decisioni in tempo reale. Ma deve essere un grosso problema, come l’espulsione di un corridore, o quando i corridori hanno utilizzato piste ciclabili nel Giro delle Fiandre. “

 

Alla fine della gara, i giudici raggiungono il traguardo e si incontrano nel camion “VAR”, dove vengono mostrati i momenti più importanti della giornata. “Valutiamo tutte le situazioni che possono giustificare una sanzione, ma non sono abbastanza gravi da condurre a uno sfratto”, spiega Crocetti. Anche i direttori sportivi dei corridori interessati sono chiamati a mostrare loro il video. Tutte le decisioni che prendiamo in questo momento sono irrevocabili, quindi prepariamo un comunicato stampa che viene distribuito ai media. Quindi andiamo alla permanenza della gara. “

 

Gli Steward tornano quindi sul palco con gli organizzatori. “Li informiamo delle irregolarità e discutiamo di tutto ciò che può essere migliorato”, afferma Crocetti. È un ottimo modo per sviluppare un buon rapporto con gli organizzatori; siamo nella stessa barca e dobbiamo tirare la stessa corda. Una buona collaborazione supera tutte le difficoltà. “

La difficile decisione del Tour de France 2019

 

Come Gianluca Crocetti, ricorda l’ultimo Tour de France e il giorno in cui, in qualità di Presidente della Giuria del, ha dovuto fermare la 19 ° tappa del passaggio Iseran?

“È stata una situazione estrema, ma siamo riusciti a gestirla nel miglior modo possibile. In pochi minuti abbiamo preso questa importante decisione: non c’era bisogno di parlare molto, perché siamo andati dritti al punto. Ogni volta che penso a questo giorno, sono molto orgoglioso della mia squadra, perché tutti hanno dato il 100%. Non avevamo strumenti elettronici, quindi abbiamo preso i tempi manualmente. E questo giorno è diventato decisivo per la classifica generale. “

Blocco della strada verso l’Iseran (Tour de France 2019 – Foto da Facebook)

 

Una volta nella valle, i commissari hanno lavorato con Tissot per rivedere tutte le classifiche e nessuno si è lamentato di questa decisione: “Tutti erano d’accordo sul fatto che fosse la decisione giusta. Durante la discesa dal passo Iseran, abbiamo parlato con i corridori per spiegare cosa stava succedendo, perché non potevano immaginare cosa li aspettasse in soli dieci minuti. Le condizioni meteorologiche non erano così impressionanti a questo punto della gara. “

 

Questa situazione estrema mostra quanto sia fondamentale che il lavoro della giuria dei commissari sia completamente fluido e coordinato. La loro missione rimane preponderante dopo la gara. “Durante la cena, cerchiamo di mangiare insieme, di prepararci per il giorno successivo, ma anche di alleviare lo stress e rilassarci un po ‘. “

Giudici Gianluca Crocetti; (Toscano); Gabriele Rigoletti (Emiliano); Gabriele Dainellio (Toscano) e Gianni Passarelli (Calabrese)

E durante i giorni di riposo? “Spesso c’è un grosso trasferimento, ma è una delle nostre poche possibilità di passare un po ‘di tempo con gli arbitri della moto, che spesso dormono in un altro hotel abbastanza lontano. Ci sono sempre problemi da risolvere per i giorni seguenti, quindi il presidente della giuria impiega un po ‘di tempo a preparare il rapporto per l’UCI. “

 

Gianluca Crocetti non è solo un commissario UCI International Road; ha anche una compagnia assicurativa, dove applica la stessa filosofia: “Ho dipendenti fantastici di cui mi fido con gli occhi chiusi per gestire l’agenzia quando sono assente dalle gare. “

Gianluca Crocetti Presidente Giuria Tour De France 2019

Non è una coincidenza: è lo spirito del ciclismo, in cui l’intero team lavora insieme per garantire buoni risultati.

 

Di Bernardi Vito

Il mondo del cilcismo locale e nazionale ha trovato una nuova e qualificata vetrina online. Si tratta del sito www.pedaletricolore.it, fondato e diretto da Vito Bernardi, giornalista pubblicista, conosciuto da tutti nell'ambiente delle due ruote. Nelle sue pagine, Bernardi raccoglie notizie, comunicati stampa, immagini di corse, atleti, società, dirigenti, e la più ampia informazione su quello che accade quotidianamente nell'Alto Milanese, ma anche a livello nazionale ed internazionale